Perù – Antichi Misteri

Il Perù evoca da sempre nell’immaginario collettivo la potenza ed i fasti dell’Impero degli Incas, che si estendeva dall’attuale Colombia sino al Nord dell’Argentina. Paese dalle grandi scenografie, offre uno straordinario insieme di ambienti naturali, testimonianze di antiche civiltà, miti e tradizioni che ancora vivono nell’anima degli indios Quechua.

Leoni marini, pellicani, pinguini, si crogiolano al sole tra le spiagge della Riserva Naturale di Paracas. A pochi km l’arcipelago delle piccole isole di Ballistas si riempie di colori che pennellano il mare durante il tramonto, e il tempo sembra fermarsi sulla linea dell’orizzonte.

L’occhio attento cattura un misterioso simbolo gigantesco inciso sulla roccia della costa di Paracas, visibile solo dalla barca. Il Candelabro, petroglifo della cultura di Paracas è un punto interrogativo dell’archeologia, come le linee di Nazca, visibili dall’aereo se il tempo lo consente. Ma cosa significa quella forma a tridente?. Un’indicazione per raggiungere Nazca dal cielo? O più verosimilmente un riferimento per le navi che si accostavano alla terra ferma?

La Panamericana percorre la zona costiera del Perù come una cicatrice, tra dune di sabbia fine come cipria e rocce brulle modellate dal vento. All’improvviso si imbatte in una macchia verde in mezzo al deserto: l’oasi di Huacachina, piccola località di villeggiatura sorta accanto ad una laguna dalle proprietà curative. S’inerpica su per le alture fino a giungere alla barocca Arequipa, città dalle architetture coloniali che ha dato i natali al nobel Vargas Llosa. Nel museo Santury riposano le spoglie della piccola Juanita, la bimba Inca sacrificata alla divinità del vulcano Ampato 550 anni fa, dove è stata ritrovata la sua mummia

La grande diversità di ecosistemi del Perù offre spettacolari scorci come quelli del lago Titicaca. Il terreno dondola sotto i piedi nelle Isole galleggianti. Costruite col giunco acquatico totora, fango e detriti impastati con melma, sono la dimora degli Uros, gruppo etnico che si è isolato dalla terra ferma. Gonne verdi, rosse, arancio, lunghe trecce che sventolano con le estremità decorate: sono le donne uros che accolgono con bambini festanti i viaggiatori.

Discendenti di quella civiltà Inca avvolta dal più fitto mistero, che ha fondato imponenti città come Cuzco, Ollantayamba, che ne testimonia perfettamente ancora adesso le origini, e la mitica Machu Pichu. La sua vista all’alba è grandiosa. I turisti non sono ancora arrivati e il sole che sorge la illumina coi suoi raggi. Attorno è silenzio, una leggera bruma accarezza lama e alpaca che pascolano liberi tra le rovine.

La vastità di ciò che è attorno, racchiude i misteri di antiche civiltà che hanno reso questi luoghi del Perù unici, e fa pensare alle loro gesta incastonate in una natura di grande bellezza.


Condividi su
Share on TwitterShare via email
 




   Separatore viaggio Scarica il programma in PDF Separatore
Chiama per il tuo viaggio personalizzato +39.06.68301655
La scheda
  •  Giorni 16
  • Quota a partire da € 3.530
  • Periodo ideale: tutto l’anno
  • Scarica il Programma Dettagliato:
Highlights
  • Le stupefacenti testimonianze delle civiltà precolombiane Paracas, Nasca e Inca; Cusco, l’antica capitale dell’Impero degli Incas, la Valle Sacra degli Incas con l’imponente fortezza di Ollantaytambo, la città perduta degli Incas: la spettacolare Machu Picchu
  • La costa sud con le Isoles Ballestas, il deserto costiero, le linee di Nasca, il canyon del Colca, il lago Titicaca, la remota isola di Taquile, i maestosi scenari andini, le propaggini della foresta amazzonica
  • Gli azulejos del convento di San Francisco, i tessuti della cultura Paracas, i vasellami della cultura Moche, la capella di San Ignacio de Loyola nella chiesa gesuitica di Arequipa, gli affreschi della scuola cusqueña
  • L’incredibile complesso archeologico di Machu Picchu per ammirare il Tempio del Sole e la sua spettacolare vista dalla Porta del Sole

Assicurazioni