Introduzione alla Birmania

Viaggio alla scoperta di uno dei paesi più emozionanti dell’Asia, tra monumenti, spiritualità e tradizioni

Viaggio alla scoperta di uno dei paesi più emozionanti dell’Asia, tra...

Yangon - Lago Inle - Shwedagon Pagoda - Pindaya Caves

Cultura

Da non perdere

  • Pippo
  • Pluto
  • Topolino
  • 10 Giorni
  • 1940 €
  • Voli intercontinentali inclusi
  • Partenze di gruppo la domenica - Individuali su richiesta

Yangon - La Capitale

Da molti definita come la più affascinante città del Sud-Est Asiatico, Yangon stupisce il viaggiatore con la sua contaminazione tra il recente passato coloniale e la profonda cultura locale, strettamente associata alla tradizione del Buddismo Theravada, quella dominante in questa area asiatica e nell'Asia meridionale.

La città fu fondata nella seconda metà del XVIII secolo ed è stata la capitale del paese, fino ai primi anni duemila, prima che il regime militare Birmano la trasferisse a Naypyidaw, un anonimo insediamento costruito dal nulla, qualche centinaio di chilometri più a nord.

Yangon, con quasi 6 milioni di abitanti, rimane in ogni caso la principale città e il più importante snodo commerciale del paese. Un concentrato di cultura, tradizioni locali e patrimonio storico, ancora ben presenti in un tessuto sociale destinato a uno sviluppo accelerato del futuro.

Qui convivono da sempre - e serenamente - diversi gruppi etnici birmani con le nutrite comunità cinesi e indiane, che con l'eredità coloniale britannica formano un caleidoscopio culturale unico.

Le donne e i bambini si spalmano sul viso la Thanakha, una pasta cosmetica gialla che profuma, protegge e decora, il cui impiego risale a oltre 2000 anni fa.

Se i suoi principali monumenti come l'imponente Shwedagon Pagoda o l'enorme Buddha Reclinato valgono da soli una visita alla città, è soprattutto nel contatto profondo con la sua gente che Yangon offre il meglio di sé: perdersi passeggiando tra i grandi viali alberati, nei tanti mercati, nella miriade di piccoli templi e pagode; passeggiare lungo Strand Road, circondati da edifici in stile vittoriano; proseguire immergendosi nella colorata atmosfera del quartiere cinese; trascorrere del tempo nelle strade, cogliendo ogni piccolo affascinante aspetto della vita comune, circondati dal colore cremisi delle tuniche dei monaci e immersi negli immancabili profumi di fiori e riso.

Questa è l'autentica attrazione di Yangon. Un mosaico di culture pronto a sorprendere e a emozionare, passo dopo passo. 

Anche attraverso la cucina: dallo street food a eleganti ristoranti in perfetto stile coloniale, passando per alcuni locali dove è possibile provare i migliori noodles del paese, si può compiere un sorprendente viaggio gastronomico, per sperimentare, muniti di una grande apertura, le affascinanti storie di vita e di cultura raccontate dal cibo.

Mandalay

Mandalay è la seconda città birmana per numero di abitanti e ne è considerata la capitale culturale, racchiusa da mura, dove si trovano templi, monasteri, vasti parchi e il Palazzo Reale. Conosciuta anticamente come la "città d'oro", oggi rappresenta ancora la culla della cultura e della spiritualità della Birmania, custodendo un immenso patrimonio artistico che, fortunatamente, nemmeno i pesanti bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale hanno potuto cancellare.

 La prima tappa durante la vostra visita non può non iniziare da Mandalay Hill, la collina dalla cui cima, raggiungibile tramite una scalinata a spirale, potrete abbracciare con lo sguardo l'intera città, ammirando un susseguirsi di pagode dorate e bianche e il corso del fiume Irrawaddy.

Ricordatevi che vi trovate in un luogo sacro dove, come narra la leggenda, il Buddha predisse la nascita di una grande città, una profezia che fu poi realizzata nel 1857 dal re Mindon (Mandalay fu capitale del Regno birmano fino all'occupazione britannica del 1885).

Impossibile menzionare tutte le bellezze architettoniche della città: dai resti del Palazzo Reale al silenzio assoluto nel monastero del Palazzo d'Oro, il Shwenandaw Kyaung, costruito interamente in legno teak; dal tempio di Mahamuni, al cui interno è conservata una tra le più venerate statue del Buddha seduto, alla Kuthodaw Pagoda, dove si trova il libro più grande del mondo

Sì, perché qui sono custoditi tutti i 15 libri che formano il Tripitaka (il canone buddista); sono incisi su 738 tavole di marmo poste ognuna all'interno di piccole stupe bianche che circondano la stupa dorata, la più grande.

Ogni lastra è un metro di larghezza e un metro e mezzo di altezza, e spesso 13 centimetri e ci sono 738 lastre in totale.

Mandalay è molto più di un insieme di pagode e monasteri. È anche la città degli antichi mestieri, con le sue numerose botteghe artigiane dove, dalle abili mani di artisti locali, prendono forma dei veri e propri gioielli, come le sculture in legno e in pietra

Per i curiosi di altre culture, o gli appassionati di acquisti etnici, ci sono anche i mercati lungo l'86a strada che, con i loro colori, suoni e profumi, rappresentano uno spaccato della vita locale. Tra i tanti, vale la pena fare un salto al Mercato della Giada per fare dei veri affari, soprattutto se si ha un po' di dimestichezza.

l mercato all'ingrosso apre tutti i giorni alle 2.00 del mattino e viene invaso da compratori cinesi che acquistano la giada a sacchi.

E infine, a Mandalay, c'è la sua gente che, con ospitalità e gentilezza infinite, è in grado di trasformare il viaggio in un'esperienza davvero unica, anche solo attraverso un inconfondibile e meraviglioso sorriso, che sarà il ricordo più bello da riportare a casa.



Monywa

Il fascino di Monywa è l’autenticità, che la rende una destinazione fuori dai classici circuiti turistici (pur offrendo molti luoghi affascinanti), dove è ancora possibile - rispetto ad altre località più frequentate - conoscere la cultura locale e le tradizioni ancora non contaminate dal turismo, in un ambiente rimasto intatto. Si trova a circa 140 km a nord di Mandalay, sulla riva orientale del fiume Chindwin.

La prima grande attrazione è l’enorme Thambuddhe Pagoda, famosa per la sua architettura, con oltre 500.000 statue di Buddha e pitture murali; di recente costruzione, ma non per questo meno suggestiva. Si visitano poi le due grandi statue del Buddha, la Lay Kyun Sakkya, la cui costruzione iniziò nel 1995, alta quasi 150 metri! Strabiliante anche la statua del Buddha reclinato, lunga 111 metri.

Non si può lasciare Monywa senza prima essere stati in quello che viene ritenuto tra i siti rupestri più rilevanti al mondo, Pho Win Taung, ancora poco conosciuto e ancora con scavi archeologici in corso; nella parte visitabile sono già visibili ben 947 grotte tra piccole e grandi, le “caverne dello sciamano”, decorate con statue e bellissime pitture murali. Un luogo mistico, in cui la guida è fondamentale.




Lago Inle

Circondato dalle montagne, a un'altitudine di 900 metri, il Lago Inle racchiude in sé un microcosmo fatto di villaggi su palafitte, di orti galleggianti e di vivaci mercati: uno spaccato di cultura locale che lo rende una delle tappe più affascinanti durante il viaggio in Myanmar.

Si tratta del secondo maggior lago di acqua dolce del paese e il modo migliore per visitarlo è con una gita su motolance che, partendo da Nyaung Shwe, consente di esplorare tutta l'area.

Tra le tante le peculiarità che si possono ammirare, ci sono orti galleggianti, fertili isole sull'acqua che restano ancorate al fondo grazie a pali di bambù e dove si coltivano frutta e ortaggi; caratteristici mercatini itineranti, che si tengono in diverse località a seconda del giorno; le antiche pagode, tra cui la grande Phaung Daw Oo; le piccole botteghe artigianali, i laboratori tessili e le fabbriche di sigari.

Un mondo a parte, puro e autentico, costituito di legno e bambù, che mostra l'essenza di un popolo birmano ancora lontano dalla modernità e proprio per questo, affascinante.

La vera attrazione del luogo, infatti, è costituita dalla gente, il popolo Intha (letteralmente "i figli del lago"), che anima questo specchio d'acqua dolce attorno al quale ruota tutta la sua vita: bambini che si lavano tra schizzi e risate, donne che fanno il bucato, contadini carichi di merci diretti in paese e i pescatori con le tradizionali ceste di reti a forma di cono e il loro curioso modo di remare servendosi della gamba.

La cosa più normale che possa accadere qui è provare una pace e una tranquillità assolute.

Le grotte buddiste di Pindaya

Una visita alle grotte di Pindaya avvicina il visitatore al forte senso di spiritualità che contraddistingue tutto il popolo del Myanmar.

Pindaya è un piccolo centro agricolo nello stato di Shan, circondato dal rosso della terra argillosa, il giallo delle coltivazioni di sesamo e il verde delle varie colture dei campi. È famosa  per il suo complesso di grotte e gallerie naturali affacciate sul Lago Inle.

Delle tre grotte presenti, la più importante è la Shew Oo Min, in cui sono custodite migliaia di statue di Buddha che, nel corso dei secoli, sono state portate dai fedeli buddisti di tutto il mondo.

Si può accedere da una lunga scalinata di 200 gradini costruita sul ripido fianco della montagna, opzione scelta ormai da pochi, vista l?esistenza di un comodo ascensore che conduce fino all'ingresso.

Non appena si entra, l'occhio è rapito da questa moltitudine di statue di Buddha che ricopre il pavimento e le pareti della grotta: grandi e piccole, di bronzo o laccate d'oro, di marmo o teak, accatastate le une sulle altre; alcune statue sono ricoperte da lamine dorate, attaccate come omaggio dai fedeli che ogni anno si recano qui in pellegrinaggio.

Fino a oggi se ne contano più di 8.000 e il numero è destinato ad aumentare grazie alle continue donazioni che arrivano da ogni parte del mondo. Ci si può anche divertire a individuare quelle provenienti dal proprio paese, leggendo sulla targa di ciascuna statuetta il nome del donatore.

Più appartata, si trova la piccola grotta della meditazione, un luogo di preghiera con all'interno un tappeto colorato e qualche statua di Buddha, a cui si accede percorrendo a carponi uno stretto cunicolo.




Loikaw

Non lontano dal Lago Inle, si trova il villaggio di Loikaw conosciuto per ospitare la tribù dei Padaung, famosa per l'usanza delle donne di indossare numerosi anelli intorno al collo.

Per via del loro collo apparentemente allungato, sono state soprannominate "donne giraffa". In realtà, si tratta di un effetto dovuto al peso di questi anelli di ottone, che provoca un progressivo abbassamento delle spalle e del torace.

Si tratta di una libera scelta, una volontà espressa dalle stesse donne sin dall'infanzia, che anno dopo anno le porta a indossare uno, dieci, cinquanta anelli. A noi occidentali le ragioni di una tale usanza può sembrare incomprensibile, considerando anche solo il peso del collare e l'inevitabile difficoltà nello svolgimento delle normali attività quotidiane, ma in questa cultura resta una pratica ben radicata.

Molto probabilmente, oggi gli anelli sono simboli di bellezza e di identificazione, mentre un tempo si diceva fosse un modo per proteggersi dagli attacchi di tigri e di altri animali feroci.

Indipendentemente dalla motivazione che si cela dietro questa singolare tradizione, l'invito è sempre a visitare questi luoghi con grande rispetto e attenzione verso la storia e la cultura della tribù che li abita, evitando di trasformare le donne Padaung in fenomeni da baraccone.

Kyaikthyo

Che si creda o meno ai miracoli, la Golden Rock - o Roccia d'oro - è uno di quegli spettacoli che merita senza dubbio una visita. È un enorme masso di granito in bilico su una montagna, situato nello stato di Mon, e da più di 2.500 anni sembra sfidare le leggi di gravità, reggendosi in un equilibrio precario.

Secondo la leggenda, nel XI secolo il re Tissa ricevette in dono un capello di Buddha da un vecchio eremita in cambio della costruzione di una pagoda sopra un sasso che somigliasse alla sua testa. E così venne costruita Kyaikthyo, che significa "la pagoda nata dalla testa dell'eremita" e accanto fu posta una roccia, che grazie al capello di Buddha resta come sospesa nel vuoto, senza scivolare giù.

Si spiega così questo "miracolo", che ogni anno attira migliaia di fedeli buddisti che, nella speranza di una buona sorte, omaggiano la pietra sacra, attaccandovi una lamina d'oro. Ecco perché la roccia oggi appare completamente dorata, ed ecco spiegato anche come mai il momento migliore per ammirarla al tramonto, quando i raggi del sole si riflettono sulla superficie, facendola risplendere ancora di più?.




Hpa-an

A  poche ore dal confine tra Birmania e Thailandia, si raggiunge Hpa-an, una cittadina sorprendente, situata sulle rive del fiume Salouen e capitale dello stato del Kayin.

Il suo maggior fascino risiede in quello che la circonda: montagne calcaree e falesie, con grotte naturali ricche di templi e spazi sacri, migliaia di statue sulle pareti e abitata da molti pipistrelli.

Una delle grotte più visitate è la Saddan Cave, dove all’ingresso si trovano una piccola pagoda dorata e una statua del Buddha reclinato, mentre tra le pagode più scenografiche figura la Kyauk Ka Lat (il cui nome si pronuncia come “chocolate”), costruita su una roccia in mezzo a un lago artificiale.

Il monte Zwegabin, 725 metri di altezza, è la montagna più sacra dello stato Kayin e si può scalare percorrendo una scalinata, che porta conduce a un giardino con più di 1000 statue di Buddha.

Hpa-an è dotata anche di un mercato particolarmente vivace e caratteristico, dove vale la pena fare una sosta. Si trova proprio di fronte alla moschea.




Yangon: un universo di sapori

Se la Birmania ? definita da molti come uno dei pi? affascinanti paesi asiatici grazie all'enorme quantit? di monumenti, pasaggi naturali e una profonda e meravigliosa cultura locale, strettamente legata alla tradizione del Buddismo theravada, secondo noi l'esperienza birmana non ? completa se non ci si addentra nel caleidoscopio di sapori e profumi che caratterizzano la sua cucina o meglio le sue cucine.
La tradizione culinaria birmana, anche grazie alla particolare posizione geografica a cavallo tra il subcontinente indiano ed il Sud-Est Asiatico, ha subito numerosi influssi dai paesi vicini
Yangon ? sicuramente il luogo perfetto nel paese per sperimentare la cucina birmana e le varie cucine tipiche dericanti dalle nutrite comunit? cinese ed indiana.
Ogni volta che ci rechiamo a Yangon non possiamo dedicare un po' del nostro tempo alla scoperta di nuovi locali e ristoranti tra cui spiccano l'Aung Thukha, un locale frequentato principalmente dai locali, uno dei milgiori ristoranti birmani della citt? per scoprire le ricette tradizionali Bamar (uno dei principali gruppi etnici del paese). Un peccato anche non provare i veri Noodles della tradizione Cinese e Birmana, sia presso l'Happy Cafe & Noodles (un ottimo risotrante di cucina birmana in generale ma con una ottima tradizione di noodles) sia presso il 999 Shan Noodle House, un locale frequentato quasi esclusivamente dai locali dove, secondo molti, servono tra i milgiori noodle del sud-est asiatico.

Jasmine Palace Yangon
Nel cuore della città un rapporto qualità/prezzo unico

4*

Situato nel cuore di Yangon, a poca distanza dalla Swega.. Pagoda, in una delle aree pi? vive della citt?, il Jasmine Palace ? secondo la nostra esperienza uno degli hotel con il migliore rapporto qualit?/prezzo, probabilmente non possiede lo charme ed il lusso di altri hotel della citt? ma l'ottimo livello della struttura, la pulizia sempre perfetta e il servizio ottimo ne fanno un'opzione perfetta per quei viaggiatori che pur non volendo rinunciare ai comfort, considerano gli hotel come

L'hotel dispone di 210 camere suttivise in cinque differenti categorie, le camere sono spaziose (da 33 a 60mq) ed arredate in stile contemporaneo. L'hotel offre anche una piscina, palestra e 4 differenti ristoranti/coffe shop tra i quali spicca l'Empress Restaurant al ventunesimo piano dal quale si gode un bellissimo colpo d'ochio sulla citt?. La cucina, di buon livello, coniuga sapori locali, cinesi e internazionale

 
QUOTE DI PARTECIPAZIONE A PERSONA A PARTIRE DA
Quota Base in Camera Doppia Euro 2970
Tasse Aeroportuali - da confermare all’atto dell’emissione Euro  535
Quota Iscrizione e Assicurazione Multirischio Turismo Euro    60
SUPPLEMENTI OPZIONALI
Supplemento Camera Singola Euro  190
Assicurazione Annullamento Viaggio Euro  100

La Quota Base comprende

  • Voli di linea A/R in classe economica dall’Italia a Yangon
  • Pernottamenti in camera doppia nelgi hotel indicati o similari
  • Pasti come indicato nell’itinerario dettagliato
  • Guida/autista in lingua italiana per l’intera durata del soggiorno
  • Veicolo 4X4 per l’intera durata del soggiorno
  • Tasse e ingressi ai Parchi
  • Escursioni e biglietti d’ingresso ai siti come da itinerario dettagliato

La Quota Base non comprende

  • Iscrizione e gestione pratica: € 60 per pax adulto, child gratuito
  • Tasse aeroportuali (€ 535, da confermare all’atto dell’emissione)
  • Polizza Multirischio turismo (facoltativa)
  • Mance
  • Pasti e bevande non menzionati nell’itinerario
  • Escursioni facoltative e quanto non espressamente menzionato alla voce “La Quota Base comprende”

Sotto il profilo climatico, il periodo migliore per visitare il Myanmar è la stagione secca che va da ottobre ad aprile, con i mesi da Novembre a Marzo che registrano temperature medie e un tasso di umidità ancora non troppo elevato per un paese del Sud-Est Asiatico. 

A partire dalla seconda metà di Aprile fino alla fine di Maggio, invece, pur essendo le prime piogge ancora scarse e prevalentemente a carattere di rovescio temporalesco isolato, le temperature e il tasso di umidità aumentano rendendo spesso faticose le visite (che si consiglia di pianificare nelle prime ore della giornata o nel tardo pomeriggio). La stagione delle piogge inizia solitamente dalla fine di Maggio e si estende fino ai primi giorni di Ottobre, con precipitazioni molto più intense lungo la fascia costiera e la parte meridionale del paese.

Il Myanmar è però sostanzialmente un paese visitabile durante tutto l'arco dell'anno, con esclusione delle aree tribali più remote che con le forti piogge sono difficilmente accessibili per via delle cattive condizioni delle strade e la fascia costiera, molto piovosa, dove la maggior parte dei resort chiude durante la stagione delle piogge.

Se i mesi migliori per un viaggio in Myanmar sono quelli invernali, gli altri mesi dell'anno sono comunque interessanti per diverse ragioni:

  • si registrano molti meno viaggiatori stranieri nel paese, permettendo un maggiore e più profondo contatto con la meravigliosa cultura locale;
  • durante la bassa stagione (generalmente da Aprile a Settembre) gli hotel offrono tariffe meno costose e spesso offerte promozionali.
Per coloro che desiderano un'immersione nell'affasciante cultura locale e nelle profonde tradizioni, da non dimenticare i tanti Festival che si svolgono durante tutto il corso dell'anno; eventi in grado di arricchire la già emozionante esperienza di viaggio che paese come il Myanmar sa offrire.


Viaggiare in Myanmar a Gennaio

Gennaio è uno dei mesi migliori per visitare il Myanmar, le temperature non sono ancora molto elevate come nei mesi di aprile e maggio, il clima è secco con un tasso di umidità accettabile per un paese del Sud-Est Asiatico. Nonostante le piogge molto scarse, il livello di acqua nei fiumi è solitamente ancora alto da consentire la navigazione sia delle navi da crociera sia dei battelli locali. Il periodo secco consente anche di muoversi con relativa semplicità nelle aree tribali che durante la stagione delle piogge sono praticamente inaccessibili per il pessimo stato delle strade. Gennaio è anche un mese perfetto per alcuni giorni di mare lungo le belle spiagge di Ngapali o nell’Arcipelago delle Mergui situato lungo la costa meridionale del paese. Essendo un periodo di altissima stagione, si consiglia di prenotare con un largo anticipo.

A Gennaio (durante la settimana del plenilunio) si festeggia il Festival di Ananda a Bagan, un evento affascinante che richiama migliaia di pellegrini presso il famoso tempio di Ananda dove, in aggiunta alle immancabili e interessanti cerimonie religiose, si possono osservare numerose performance artistiche come i Zats (danze tradizionali intervallate da momenti recitati), gli Anyeints (performance teatrali, spesso a carattere satirico nei quali il mito si mescola alla cronaca), musiche, danze tipiche e si proiettano in sale improvvisate all’aperto i film più popolari.

A cavallo dei mesi di gennaio e febbraio si festeggia anche il Festival di Htamane per celebrare l’inizio della stagione dei raccolti. Un evento molto sentito in tutto il Myanmar durante il quale tutte le case si produce il Htamane, una ricetta tradizionale a base di riso glutinoso, zenzero, polpa di cocco, frutta secca e sesamo, che viene tradizionalmente offerta ai monaci prima di essere condivisa con chiunque si trovi nelle vicinanze.

Sempre durante il mese di gennaio si festeggiano altri due importanti festival tribali (il capodanno Naga e il Festival di Manao) che richiamano numerosi gruppi etnici in un susseguirsi di celebrazioni rituali, danze e musiche. Ambedue questi eventi si svolgono nello stato di Kachin, all’estremo nord del paese, un’area purtroppo al momento poco accessibili ai turisti per effetto della repressione dei movimenti indipendentisti da parte del governo.


Viaggiare in Myanmar a Febbraio

Anche Febbraio è uno dei mesi migliori per visitare il Myanmar con un clima secco e temperature ancora non troppo elevate anche se superiori a quelle di gennaio (piacevolmente temperate per chi desidera viaggiare nelle regioni montuose alla scoperta delle minoranze etniche). È importante prenotare con largo anticipo per trovare posto nei principali siti, molto frequentati durante questi mesi.

Il 20 Febbraio si festeggia la Giornata Nazionale del popolo Chin, a celebrare, dopo decenni di repressione da parte del regime militare, le tradizioni, la storia e la cultura di questo affascinante gruppo etnico. Un susseguirsi di musiche e danze tradizionali.

Nel mese di febbraio si svolge anche il tradizionale Festival presso la Pagoda di Mahamuni a Mandalay: migliaia di pellegrini rendono offerte al Buddha in un contesto di grandi festeggiamenti carichi di energia per un contatto diretto con la profonda cultura locale.


Viaggiare in Myanmar a Marzo

Marzo è ancora uno dei mesi ideali per viaggiare in Myanmar, le precipitazioni sono ancora molto rare e limitate a pochi rovesci temporaleschi, anche se l’umidità e le temperature tendono a salire rispetto ai mesi precedenti. Proprio per le temperature più elevate, si suggerisce di pianificare le visite evitando le ore più calde della giornata. Anche a marzo è consigliabile prenotare con un certo anticipo per via della grande affluenza di viaggiatori.

Marzo è anche un periodo ricco di eventi in Myanmar:

  • Il Festival di Bawgyo, celebrato in tutto lo stato Shan e principalmente nella città di Hsipaw, caratterizzato da una settimana di festeggiamenti durante i quali migliaia di pellegrini rendono omaggio al Buddha con offerte e celebrazioni. Intorno ai tanti templi si assembrano numerosi mercati carichi di un’atmosfera di festa, un’ottima occasione per entrare in contatto con le tradizioni e la profonda cultura locale.
  • Durante il plenilunio di marzo, l’ultimo mese del complesso calendario lunare Birmano, nello stato Shan si festeggia il Festival di Kakku, una festività che unisce la tradizionale spiritualità birmana a un evento socializzante nel quale migliaia di persone affluiscono intorno alle pagode indossando i loro costumi tradizionali. Un’occasione unica nella quale entrare in contatto con il complesso caleidoscopio culturale ed etnico del Myanmar.
  • Il Festival di Pindaya che richiama migliaia di pellegrini alle famose grotte di Pindaya, caratterizzate da circa 8000 statue del Buddha. Intorno alla pagoda sorge spontaneamente l’immancabile mercato nel quale si possono trovare prodotti dell’artigianato locale.
  • Il Festival della Pagoda di Shwedagon nella capitale Yangon, richiama anche questo tantissimi pellegrini in un’atmosfera festosa ma al contempo carica di spiritualità. Intorno alla grande pagoda si formano gli immancabili mercati, leggermente più turistico di altri eventi festival, ma comunque affascinante.


Viaggiare in Myanmar ad Aprile

Aprile segna l’inizio dell’estate birmana con temperature elevate che possono raggiungere anche i 40° in alcune regioni. Le piogge sono ancora limitate e principalmente a carattere di rovescio pomeridiano o serale, ma l’umidità tipica del sud-est asiatico inizia a farsi sentire. Si consiglia vivamente di effettuare le visite evitando le ore centrali della giornata. Nonostante le temperature meno piacevoli dei mesi precedenti e l’inizio delle piogge, aprile è un mese interessante per viaggiare in Myanmar perché, per via del capodanno Burmese, molti birmani viaggiano nel paese offrendo uno spaccato interessante attraverso un contatto più profondo con la cultura locale. Inoltre, è un mese meno frequentato dai turisti internazionali, garantendo un’esperienza più autentica anche se è comunque necessario prenotare con un certo anticipo per via dei numerosi locali che si spostano nel paese.

Aprile segna l’inizio del nuovo anno nel calendario lunare Burmese (17 Aprile); famoso anche come il festival dell’acqua: in tutto il paese ci sono festeggiamenti tradizionali nei quali si lancia dell’acqua, antico rituale di purificazione e buon auspicio, che diventa occasione di divertimento e socializzazione. I festeggiamenti durano diversi giorni offrendo ai viaggiatori una divertente esperienza a contatto con le tradizioni locali.

A Bago, l’antica capitale, si festeggia il Festival della Pagoda di Shwemawdaw che attrae tantissimi di pellegrini da tutto il paese per festeggiare la pagoda più alta della Birmania.


Viaggiare in Myanmar a Maggio

Le temperature nel mese maggio continuano a essere elevate fino alla seconda parte del mese, durante la quale l’intensificarsi delle prime piogge a carattere di rovescio inizia a mitigare il clima. Maggio è comunque un mese interessante per visitare il Myanmar visto il limitato afflusso di turisti che garantisce un’esperienza più profonda a contatto con la cultura locale e visto i prezzi degli hotel che sono più contenuti rispetto ai mesi invernali di alta stagione. Maggio è anche l’ultimo mese prima dell’inizio della stagione delle piogge più intense nel quale è piacevole e possibile passare qualche giorno lungo le belle spiagge di Ngapali o nell’Arcipelago delle Mergui.

A Maggio, come in tutti i paesi di tradizione Buddista, si festeggia la Nascita e l’illuminazione del Buddha (in altri paesi chiamato Wesak). Un evento in Myanmar principalmente a carattere spirituale nel quale la maggior parte degli abitanti si recano più volte presso i templi e le pagode per meditare e rendere omaggio al Buddha. È ancora viva la tradizione di portare dell’acqua ai piedi di alberi di Ficus a celebrare l’avvenuta illuminazione del Buddha avuta sotto il Ficus sacro di Bodhgaya in India. Un’esperienza affascinante per comprendere a pieno la profonda spiritualità che pervade ogni aspetto della vita dei birmani.


Viaggiare in Myanmar a Giugno

Un mese di transizione per viaggiare in Myanmar nel quale è difficile prevedere il meteo: le temperature di solito scendono rispetto ai due mesi precedenti e solitamente si segna l’inizio delle piogge ancora però di norma limitate in intensità e a carattere temporalesco. Un ottimo periodo perché molto poco frequentato dai viaggiatori stranieri e con buone tariffe alberghiere. Alcuni dei resort al mare iniziano a chiudere con l’arrivo della stagione delle piogge, chi desidera spendere qualche giornata di relax al mare dovrà quindi pensare alle belle spiagge delle isole del Golfo del Siam in Tailandia.

Nel mese di giugno in Myanmar si tiene il Festival di Thiho Shin a Pakkoku, un tipico festival Burmese nel quale la tradizionale spiritualità si fonde con le tradizioni locali in un’atmosfera di grande gioia con canti, danze e musiche tradizionali oltre gli immancabili mercati spontanei intorno ai templi.


Viaggiare in Myanmar a Luglio

Il mese di luglio segna solitamente l’entrata della stagione delle piogge in Myanmar che iniziano a colpire con intensità le regioni meridionali e le coste del paese. Le regioni centrali invece sono ancora colpite in modo marginale, consentendo comunque di visitare il paese, anche se le aree più remote sulle montagne iniziano a divenire difficilmente accessibili per le condizioni delle strade.  

Insieme a settembre, sono i mesi ideali per la navigazione fluviale grazie al livello delle acque che inizia a crescere consentendo di raggiungere praticamente ogni luogo lungo i tanti corso d’acqua presenti nel paese.

Luglio segna anche l’inizio del Lent, il tradizionale mese nel quale i monaci non possono allontanarsi per più di un giorno dal proprio monastero; un mese dedicato in modo preferenziale agli insegnamenti e alla meditazione.

A Mandalay, a cavallo tra giungo e luglio, si svolge il Festival del “Cane Ball” (anche chiamato Chinlone), il tradizionale sport Birmano nel quale piccole squadre di massimo 6 persone si passano senza mai toccarla con le mani, una palla costruita in rattan con l’obiettivo di non farla mai cadere a terra. Durante il festival, numerose squadre si esibiscono nelle strade della città in un’atmosfera di grande festa.


Viaggiare in Myanmar ad Agosto

Viaggiare in Myanmar ad agosto è comunque possibile a patto di essere preparati alle forti piogge che solitamente colpiscono tutto il paese. Le zone rurali e montuose più remote sono ancora largamente inaccessibili per via delle pessime condizioni delle strade. Per coloro che sapranno sfidare le piogge, agosto è un mese comunque affascinante per visitare il Myanmar grazie allo scarso numero di turisti internazionali e alla natura rigogliosa che segue le piogge creando giochi di luce, panorami incredibili e scenografie perfette per gli appassionati di fotografia. Alcuni luoghi, come la famosa Roccia d’Oro, sono leggermente meno interessanti poiché anche i pellegrini birmani che solitamente affollano i tanti templi e pagode durante gli altri mesi dell’anno sono meno numerosi per via delle piogge.

Ad agosto si svolgono due interessanti festival, rispettivamente a Mandalay e Amarapura, derivanti dalle antiche tradizioni animiste che da millenni si sono fuse nel rito buddista. I festival festeggiano i Nat, spiriti ancestrali solitamente associati alla natura che durante il festival i locali credono prendano possesso di alcuni individui prescelti, talvolta con fenomeni di trance. I festival richiamano migliaia di persone che vengono a rendere omaggio agli spiriti in un’atmosfera magica caratterizzata da spettacoli, danze e musiche tradizionali. Uno spaccato unico per comprendere a fondo il profondo tessuto etnografico della Birmania.


Viaggiare in Myanmar a Settembre

In Myanmar a settembre le piogge iniziano a ridursi in intensità, soprattutto nella seconda parte del mese, le temperature si abbassano sensibilmente e l’umidità inizia a diminuire. La seconda metà del mese è un periodo interessante per viaggiare in Myanmar in quanto i paesaggi sono resi ancora più affascinanti dalla natura rigogliosa e i pochi turisti presenti rendono il viaggio un’esperienza indimenticabile a stretto contatto con la cultura locale. 

Le spiagge non sono ancora consigliabili, sia per le piogge residue sia perché molti dei resort aprono nuovamente a ottobre dopo il consueto stop nella stagione umida. La navigazione lungo i corsi d’acqua è al suo massimo e offre bellissime crociere. Le zone più remote sono ancora difficilmente accessibili ed è meglio concentrare l’itinerario sui luoghi più famosi come il classico circuito centrale del Myanmar (Mandalay - Bagan e Lago Inle). Settembre è ancora ottimo per il rapporto qualità/prezzo offerto dagli hotel in tutto il paese.

A cavallo tra i mesi di settembre e ottobre si svolgono alcuni interessanti festival:

  • Ad Amarapura, il Festival di Bo Bo Gyi, nei pressi del Lago Taungthaman e del famoso ponte U-Bein, che richiama tantissimi pellegrini da tutto lo stato Shan.
  • Il Festival della Pagoda Manuha a Bagan, che su tre giornate di celebrazioni, richiama migliaia di pellegrini per assistere alle processioni di numerose figure in cartapesta portate nelle vie della città. Durante il festival vengono anche offerti i tradizionali dolci di riso e dei particolari pickles di melone (il tradizionale metodo di conservazione della frutta e della verdura tipico di tutto il continente asiatico);
  • Sull’Inle Lake si svolge il Festival della Phaung Daw Pagoda durante il quale quattro immagini del Buddha sono trasportate a bordo di una particolare imbarcazione riccamente decorata in una sorta di processione lungo le sponde del lago con numerose soste nei tanti villaggi prima di arrivare nel principale centro Nyaung Swe per le celebrazioni finali.


Viaggiare in Myanmar a Ottobre

Ottobre segna nuovamente l’inizio dell’alta stagione in Myanmar, il clima è più secco e le temperature sono piacevoli. Il paese inizia a essere nuovamente  accessibile in ogni sua parte incluse le zone più remote e le spiagge. L’afflusso di turisti inizia nuovamente a salire quindi si consiglia di prenotare con un certo anticipo per evitare problemi legati alla disponibilità.

Un viaggio in Myanmar a ottobre significa anche poter partecipare ad alcuni interessanti festival come quello delle 9000 Luci di Kyaikhtiyo (la famosa Roccia d’Oro) nel quale i pellegrini locali portano migliaia di lanterne e candele sulla sommità della roccia offrendo uno spettacolo unico; a seconda del complesso calendario lunare birmano due altri importanti festival (quello della Pagoda di Manuha e quello di Phaung Daw) descritti nel mese di settembre talvolta vengono spostati a ottobre.


Viaggiare in Myanmar a Novembre

Nel mese di novembre, le ultime piogge a carattere temporalesco scompaiono lasciando un clima tra i migliori dell’anno con giornate dai cieli tersi, temperature mai troppo alte e un tasso di umidità più che accettabile per un paese del Sud-Est asiatico. Uno dei mesi migliori per viaggiare in Myanmar in quanto il clima è buono ma allo stesso tempo l’afflusso di viaggiatori stranieri non è ancora così alto come dei durante le festività Natalizie o i primi mesi dell’anno. Si consiglia comunque di prenotare con un certo anticipo perché il Myanmar, dopo la riapertura al turismo, coincisa con la fine del regime militare, è (a ragione) una delle mete più desiderate e popolari dell’Asia.

Anche novembre segna la presenza di alcuni importanti festival:

  • Il Festival del Pleniluinio di Tazaungdain, a festeggiare la fine della stagione delle piogge, è una celebrazione religiosa nella quale i monaci vengono omaggiati con nuove tonache e vengono lanciati in cielo migliaia dei tipici palloncini in carta alimentati da una candela. Un evento estremamente affascinante e scenografico, un perfetto set per gli appassionati di fotografia.
  • Il Festival della Pagoda di Shwezigon a Bagan, con il suo enorme mercato spontaneo dove si possono acquistare moltissimi prodotti artigianali provenienti da tutto lo stato Shan, danze e musiche tradizionali e le tipiche offerte di cibo ai monaci ed in generale ai partecipanti.
  • Il caratteristico Festival di Taunggyi sul Lago Inle durante il quale vengono lasciati centinaia di palloni alimentati ad aria calda, molti dei quali raffiguranti animali o figure mitologiche della tradizione buddista.

Viaggiare in Myanmar a Dicembre

Dicembre, assieme a gennaio e febbraio, è uno dei mesi migliori in termini climatici per viaggiare in Myanmar: le temperature sono tra le più basse dell’anno e l’umidità ai suoi minimi. Un periodo perfetto per viaggiare in Myanmar anche se è necessario prenotare con molto anticipo visto l’altissimo afflusso di viaggiatori. Un periodo ottimo anche per chi desidera spendere alcune giornate lungo le belle spiagge di Ngapali o presso le isole paradisiache dell’arcipelago delle Mergui. Se possibile, si consiglia di evitare il periodo delle feste natalizie caratterizzate da un grandissimo afflusso di visitatori e da un aumento considerevole dei costi delle strutture alberghiere.

Chi decide di viaggiare in Myanmar nel mese di dicembre ha l‘opportunità di assistere a tre affascinanti festival:

  • il Capodanno Akha, al centro delle regioni tribali nord-orientali (Kyaing Tong), durante il quale migliaia di persone del gruppo etnico Akha scendono dai villaggi per festeggiare questo evento vestiti nei loro costumi tipici e in un’atmosfera affascinante con danze e musiche tradizionali.
  • il famoso festival Nat sul Monte Popa, dedicato appunto agli spiriti Nat, che richiama tantissimi fedeli da tutto il paese per assistere alle cerimonie religiose e ai festeggiamenti con musiche e danze e un gran consumo del  tradizionale vino di palma.
  • Ultimo ma non come importanza, il Capodanno Kayin che offre il suo apice nella città di Hpa An (a poca distanza dall’antica Capitale Bago e dalla Roccia d’Oro) evento focale Karen che, per preservare le loro antiche tradizioni, indossano per l’occasione i costumi tradizionali in un evento ricco di folklore con danze e musiche ed i caratteristici incontri di boxe birmana.


Temperature stagionali (min-max °C) - Precipitazioni (mm/mese)

Località Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Yangon 18 - 32 5 19 - 34 2 22 - 35 6 24 - 36 16 25 - 33 296 24 - 30 564 24 - 30 576 24 - 30 623 24 - 31 378 25 - 32 204 22 - 31 62 19 - 31 7
Mandalay / Bagan 13 - 29 4 17 - 32 2 20 - 36 1 24 - 37 36 26 - 37 138 26 - 34 123 26 - 34 74 25 - 33 130 25 - 33 156 24 - 32 176 20 - 30 38 15 - 28 6
Lago Inle 23 - 8 5 25 - 10 4 27 - 14 6 30 - 18 47 28 - 18 148 27 - 18 198 25 - 18 209 25 - 18 269 25 - 18 248 24 - 17 151 24 - 13 58 22 - 9 10
Ngapali 30 - 12 2 32 - 13 1 33 - 18 2 34 - 21 18 33 - 24 262 30 - 24 1080 29 - 22 1250 29 - 22 1300 30 - 23 520 32 - 23 189 32 - 20 61 31 - 14 8
Arcipelago delle Mergui 32 - 21 6 32 - 22 44 33 - 23 51 34 - 24 114 32 - 23 420 30 - 23 768 29 - 23 718 29 - 23 856 30 - 24 452 30 - 23 268 32 - 22 81 32 - 21 12
Myitkyina (Regioni settentrionali) 23 - 9 11 26 - 13 21 30 - 16 44 33 - 20 62 32 - 22 147 30 - 23 410 30 - 24 482 31 - 23 349 30 - 23 223 30 - 21 128 27 - 15 24 24 - 11 7

Passaporto/Visto:
Per i cittadini italiani è richiesto il passaporto con almeno 6 mesi di validità a partire dalla data d’ingresso nel Paese. E’ necessario che il passaporto disponga di almeno 1 pagina libera per l’applicazione del visto. Il visto, obbligatorio, si ottiene presso l’ufficio consolare dell’Ambasciata Birmana a Roma, compilando un modulo in duplice copia, con 2 foto tessera e fotocopia della carta d’identità o della patente. Ambasciata Birmana E-mail: meroma@tiscali.it E’ possibile richiedere il visto on line pagando con carta di credito e il costo è di circa 50 euro. http://www.myanmarevisa.gov.mm/. Poiché il visto ha una validità di tre mesi, è consigliabile farlo almeno un mese prima.

Fuso orario:
In linea di massima nei mesi da Novembre a Marzo, quando in Italia è in vigore l’ora solare, il fuso orario del Myanmar è +5 ore e mezza (cioè quando in Italia sono le 12:00, in Myanmar sono le 17:30); da Aprile ad Ottobre, quando invece è in vigore l’ora legale, il fuso orario è +4 ore e mezza (cioè quando in Italia sono le 12:00, in Myanmar sono le 16:30).

Vaccinazioni e precauzioni sanitarie:
Per entrare nel Paese non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria, a parte il caso in cui si entri arrivando da un paese a rischio trasmissione febbre gialla. Si consiglia di bere solamente acqua in bottiglia ed evitare di consumare verdura fresca e frutta che non siano state ben lavate con acqua potabile, e di utilizzare repellenti anti-zanzara sia durante il giorno sia nelle ore serali e notturne.

Valuta:
La valuta nazionale è il Kyat (si pronuncia “ciat” MMK). Al cambio attuale 1 euro corrisponde a circa 1465,52 MMK. La Birmania ha comunque un’economia basata sul dollaro pertanto i pagamenti in dollari sono accettati ovunque. Gli Euro vanno bene ma spesso non sono accettati per pagamenti diretti, devono perciò essere convertiti in Kyats. Il cambio è ora più stabile ed è regolato dalla banca centrale del Paese, è consigliabile comunque limitarlo al minimo visto che è poco conveniente riconvertirli al momento della partenza. Attualmente è possibile prelevare contanti in valuta locale a YANGON (massimo 300.000 Kyats a volta) dalle ATM, con una tassa a transazione di 5000 kyats. In generale gli uffici di cambio oggi sono aperti nelle principali località turistiche, nei mercati, negli aeroporti e in alcuni hotel a Yangon, Bagan, Mandalay e Inle. Le carte di credito autorizzate sono Master Card, Visa, Visa Electron, Maestro, Cirrus e sempre più locali, hotel e negozi accettano la carta di credito, con tasse da 3 a 4 %. In Birmania può comunque essere ancora problematico l’utilizzo di carte di credito. E’ quindi necessario portare contanti in dollari Usa o Euro. Le banconote devono essere “nuove” (quelle vecchie o rovinate, scritte, o anche sporche in Birmania non sono accettate).

Abbigliamento consigliato:
Si consiglia un abbigliamento casual con abiti pratici e leggeri. Durante l’inverno (da Dicembre a Febbraio) fa piuttosto freddo nelle prime ore del giorno e nelle ore serali, anche nelle località balneari, è dunque necessario portarsi una giacca e/o felpa. La Birmania è un Paese molto tradizionale: non sono graditi shorts e canottiere. Nei templi e nelle pagode è obbligatorio andare a piedi nudi (senza calze), può essere pertanto utile portare un paio di sandali visto che bisogna toglierseli spesso, ed avere un abbigliamento discreto. Altrettanto utili sono un cappello, gli occhiali da sole, costume da bagno e crema solare.

Elettricità:
La corrente elettrica è 220/230 Volt. Si consiglia di portare un adattatore universale.

Telefono:
Il prefisso internazionale è 0095, +95. La rete telefonica locale è obsoleta e spesso i collegamenti sono difficoltosi. Dalla fine del 2014 è stato attivato il GSM International Roaming, tuttavia il sistema non è ancora perfettamente funzionante e resta difficoltoso l’utilizzo della propria sim card. I costi poi sono spesso elevati, pertanto consigliamo di rivolgersi al proprio operatore telefonico per avere maggiori informazioni. E’ comunque possibile utilizzare il cellulare con sim card acquistate in Myanmar. È facile trovare internet caffè in tutto il paese e nelle strutture ricettive. La connessione però è di solito molto lenta e poco affidabile.

Lingua:

La lingua principale è il Birmano. L'inglese è ampiamente parlato e capito. A livello regionale sono parlati moltissimi dialetti e lingue tribali, dato che ogni etnia utilizza il proprio idioma.

Comportamenti raccomandati:
La generosità, specialmente in Asia, è considerata una virtù, e per i buddhisti un'occasione per guadagnarsi meriti per una migliore incarnazione nella prossima vita. Dare offerte nei monasteri o mance agli autisti, alle guide, ai camerieri è considerata una regola naturale di comportamento ed è quindi attesa. E’ bene ricordare che non solo ci si trova in Oriente, ma in una delle parti del mondo che più ha conservato intatte le proprie tradizioni. Per la cultura locale ogni forma di esternazione di sentimenti, negativi o positivi che siano, è considerata estremamente volgare e maleducata. È considerato offensivo toccare la testa delle persone, così come puntare con i piedi per indicare persone o case o templi. Le donne non possono toccare i monaci, stargli accanto o sedersi in posti davanti o in posizione più elevata rispetto a dove siede il monaco.

Religione:
Il Myanmar è un Paese multi-religioso, circa l’80% della popolazione è di religione buddhista mentre il restante 20% è diviso tra la religione cristiana e quella musulmana, accanto a credenze locali.      

Itinerario per immagini

Introduzione alla Birmania: Viaggio alla scoperta di uno dei paesi più emozionanti dell’Asia, tra monumenti, spiritualità e tradizioni - 10 Giorni

L'imponente Shwedagon Pagoda - Yangon, Birmania

Villaggi, giardini e orti galleggianti, Lago inle, Birmania


Altri viaggi che potrebbero interessarti

Introduzione al Bhutan

Viaggio nel paese della felicità, Kolkata e Kathmandu

DURATA: 11 Giorni

A partire da:

3800 €

Alla scoperta dello Sri Lanka

Montagne e Acque sacre, antiche capitali e sapori locali, per un viaggio in Sri Lanka completo e ind...

DURATA: 14 Giorni

A partire da:

2900 €

Giordania classica, tra archeologia, natura e relax

Un viaggio completo per conoscere i "must" della Giordania

DURATA: 7 Giorni

A partire da:

1580 €

Alla scoperta del Rajasthan

Storia e tradizioni millenarie negli antichi regni Rajput

DURATA: 11 Giorni

A partire da:

1700 €

Natura e Cultura del Laos

Per scoprire il meglio del Laos, dal patrimonio culturale a splendidi paesaggi

DURATA: 13 giorni

A partire da:

3150 €

Etiopia Classica: i tesori dell’epoca cristiana

Tra fede, testimonianze storiche e tradizioni locali

DURATA: 11 giorni

A partire da:

1900 €

Viaggio in Cambogia: tra tradizione, arte e archeologia

I siti archeologici più famosi, l’impero Khmer e un’immersione nella spiritualità del paese

DURATA: 9 giorni

A partire da:

1780 €

Viaggio alla scoperta del Bhutan

Un programma completo per scoprire il paese della felicità

DURATA: 14 Giorni

A partire da:

5300 €




Consigli di viaggio

Segreti, curiosità, informazioni e dritte da conoscere prima di partire per il tuo viaggio preferito, in base alla nostra esperienza diretta in tutte le destinazioni che vi proponiamo.




Iscriviti alla nostra newsletter

Per rimanere sempre aggiornato sui nostri viaggi di gruppo
Per sapere in anteprima le offerte del mese
Per scoprire destinazioni inedite e nuove idee di viaggio!

VIA Viaggi in Avventura Srl

  • Indirizzo: Piazza F. Borgoncini Duca, 7
    00165 Roma - ITALIA (zona S.Pietro - Via Gregorio VII)
  • Tel: +39.06.68301655
  • Website: www.viatraveldesign.com