Zimbabwe: il selvaggio e bellissimo parco di Hwange

Per vivere i safari più emozionanti, immersi nella grande natura africana

Per vivere i safari più emozionanti, immersi nella grande natura afric...

Nehimba Lodge - Jozibanini Camp - Bomani Camp - Gorge Lodge Victoria Falls

Safari

Da non perdere

  • Dormire nel cuore nel parco, osservando da pochi metri tante specie animali
  • Safari a piedi e in fuoristrada con guide esperte e gli immancabili Big Five
  • Cenare sotto il grande cielo africano
  • L'immersione totale nella natura selvaggia
  • Respirare la magia delle Cascate Vittoria
  • 11 giorni (9 notti)
  • 4200 €
  • Voli intercontinentali Inclusi
  • Individuali su richiesta

Definire il periodo migliore per visitare lo Zimbabwe non è semplice: dipende dai luoghi che si vogliono toccare, dalla tipologia di viaggio e dagli interessi personali. Ad esempio, per gli appassionati di Safari in cerca di un’esperienza emozionante, sia nello Hwange National Park sia nel Parco di Mana Pools, il periodo migliore è sicuramente la stagione secca - da maggio a ottobre - quando gli animali si raggruppano in concentrazioni impressionanti lungo le poche pozze d’acqua presenti o lungo il fiume Zambezi.

Differentemente, per gli appassionati di Bird Watching, il periodo migliore è certamente durante la stagione delle piogge - da dicembre a marzo - quando centinaia di specie di uccelli migratori popolano queste aree, in aggiunta alle specie endemiche.

Proprio per queste ragioni, i nostri consulenti di viaggio esperti sulla destinazione sapranno disegnare al meglio il vostro viaggio in Zimbabwe in funzione degli interessi personali, e del budget a disposizione individuando il periodo migliore per voi.

Il clima in Zimbabwe è caratterizzato dallo scandire delle stagioni, come nelle vicine Zambia, Namibia e Botswana: la stagione secca, da maggio a ottobre, caratterizzata da precipitazioni scarsissime o assenti; la stagione delle piogge, da dicembre a marzo, con abbondanti piogge molto spesso a carattere di rovescio; mentre i mesi di novembre e aprile sono periodi di transizione, ma allo stesso tempo sono probabilmente la soluzione migliore in termini di rapporto qualità/prezzo.

Hwange National Park è visitabile tutto l’anno, anche se le caratteristiche e l’esperienza di safari cambia radicalmente: con l’avanzare della stagione secca, in particolare nei mesi di luglio, agosto e settembre, le risorse idriche raggiungono il loro minimo e gli animali si raggruppano intorno alle pozze d’acqua in concentrazioni talvolta impressionanti, offrendo la possibilità di osservare gli animali in attività, solitamente senza la necessità di doverli ricercare, anche grazie alla vegetazione bassa e spoglia che garantisce un’ottima visibilità anche su lunghe distanze.

Differentemente, durante la stagione delle piogge i paesaggi si colorano del verde dell’erba e dei toni intensi delle fioriture, gli animali sono nel pieno delle loro forze con numerose nascite; l’ambiente rigoglioso e l’erba alta impongono spesso la necessità di tracciare gli animali garantendo comunque un’esperienza affascinante e un profondo contatto con la selvaggia natura africana, anche grazie alla notevole esperienza delle guide. Durante questi mesi, i Safari a Piedi sono sempre possibili ma con maggiore attenzione per via della visibilità limitata dovuta alla vegetazione rigogliosa.

Un viaggio nello Hwange National Park è un’esperienza affascinante tutto l’anno: incredibili e facili avvistamenti durante i mesi aridi, grandi contrasti cromatici e lunghi eccitanti tracciamenti durante la stagione delle piogge.

Mana Pools National Park e Matusadona National Park sono invece sconsigliabili durante la stagione delle piogge, da dicembre a marzo, a Mana Pools peraltro la maggior parte dei campi chiude in questo periodo.

L’esperienza a Victoria Falls cambia drasticamente in funzione delle stagionalità ed anche in questo caso dipende dal singolo interesse di chi viaggia, pur essendo meno prevedibile delle altre aree del paese in quanto il livello d’acqua dello Zambezi varia molto di anno in anno: il periodo più interessante per osservare lo spettacolo delle Cascate Vittoria è quando le cascate raggiungo il loro massimo di portata (da febbraio ad agosto), mentre, ad esempio, per chi è interessato al Rafting sullo Zambezi è necessario programmare un viaggio quando la portata dell’acqua è nei livelli medi in quanto con portate troppo alte o con scarsità d’acqua le attività di rafting e kayak vengono interrotte per ragioni legate alla sicurezza.

Sotto il profilo delle temperature, i mesi di maggio, giugno, luglio e agosto sono caratterizzati da un’escursione termica tra il giorno e la notte più marcata, con temperature massime durante il giorno comprese tra i 25 e i 34°C e temperature minime spesso rigide. Soprattutto nei mesi di giugno, luglio e agosto è importante portare dell’abbigliamento caldo per le uscite di safari al mattino visto che le temperature possono raggiungere pochi gradi sopra lo zero. Differentemente, i mesi da settembre a dicembre sono caratterizzati da temperature altre durante il giorno  che possono raggiungere anche i 30-35°.

Il mese di novembre e la prima parte di dicembre, con l’inizio delle prime piogge, solitamente limitate a pochi sporadici temporali pomeridiani, presentano un territorio ancora caratterizzato da scarse risorse idriche che favoriscono la concentrazione degli animali presso le pozze e, poiché i vari campi applicano costi ridotti, questi mesi sono sicuramente un ottimo periodo in termini di rapporto qualità/prezzo. Il mese di aprile è, come novembre ma al suo opposto, un mese di transizione con precipitazioni limitate, un territorio verde e ricco dell’acqua derivante dalle piogge dei mesi precedenti, per un’esperienza di safari intensa e mai scontata. Anche aprile è un ottimo periodo in termini di rapporto qualità/prezzo.

Viaggiare in Zimbabwe a gennaio e a febbraio

Nello Zimbabwe i mesi di gennaio e febbraio cadono nella calda stagione estiva: le temperature, a seconda delle zone, oscillano tra i 30 e i 35°C e sono accompagnate da tassi di umidità dell’aria abbastanza elevata, specie nella valle dello Zambesi e del Limpopo.

L’estate in Zimbabwe è il periodo delle piogge con precipitazioni abbondanti concentrate soprattutto nelle regioni settentrionali e orientali, dalle montagne al confine con il Mozambico fino all’area dell’Alto Veld. Più riparate rimangono le zone a sud e sud-ovest con il Parco di Hwange e le Cascate Vittoria.

Le piogge si presentano per lo più a carattere di rovescio o temporale pomeridiano e, seppur intense, sono brevi e consentono al cielo di tornare velocemente sereno. Visitare lo Zimbabwe durante la stagione umida, quando la natura è nel pieno del suo risveglio con la fioritura di piante e alberi, è un’esperienza unica per tutti gli amanti della natura e della fotografia, che possono scattare delle immagini indimenticabili.

L’unico svantaggio in questo periodo consiste in una maggiore difficoltà durante i safari nell’avvistamento degli animali, in quanto sono dispersi all’interno degli sconfinati parchi per via della diffusa presenza di acqua, oppure vengono celati dalla vegetazione più fitta in questo periodo dell’anno. Inoltre, a causa delle forti piogge se pur a carattere di rovescio, alcuni parchi possono subire inondazioni e diventare completamente impraticabili, come spesso accade per il Mana Pool dove la maggior parte dei campi chiude durante il periodo per riaprire ad aprile/maggio

Per gli appassionati di fotografia naturalistica la stagione umida è un momento perfetto: i paesaggi sono caratterizzati da forti contrasti cromatici con una natura prorompente, la stagione delle nascite è al suo massimo e, con l’aiuto di guide esperte, è possibile avvistare numerose specie di uccelli residenti e migratori. Inoltre i volatili, durante la stagione riproduttiva, cambiano il loro piumaggio assumendo tonalità e sfumature bellissime.

Per un viaggio in Zimbabwe durante l’estate australe è bene considerare infine l’aspetto economico: essendo questo un periodo di bassa stagione, si può approfittare delle offerte vantaggiose per una vacanza a costi ridotti.




Viaggiare in Zimbabwe a marzo

A marzo la stagione delle piogge nello Zimbabwe volge gradualmente al termine: le piogge diventano via via meno frequenti e le temperature, sebbene ancora elevate, sono associate a un tasso d’umidità più basso che rende il clima più sopportabile.

Marzo è un mese di transizione tra la stagione umida e quella secca dello Zimbabwe, durante il quale si raggiunge il picco dell’alta marea e le Cascate Victoria si mostrano al massimo della loro potenza con una massa d’acqua tale da dare origine a spettacolari arcobaleni.

In questo mese, un’interessante area da visitare è quella del Matobo National Park i cui affioramenti rocciosi, i Kopjes, sono stati designati come Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Si tratta di vecchissimi affioramenti di masse granitiche, ricchi di spaccature e grotte sulle cui pareti sono conservati antichi dipinti.




Viaggiare in Zimbabwe ad aprile a maggio

Nello Zimbabwe aprile e maggio segnano rispettivamente la fine della stagione delle piogge e l’inizio della stagione secca: le giornate si fanno sempre più soleggiate e asciutte con temperature che variano tra i 20 e i 25°C e le notti diventano ancora più fresche e ventilate.

In questi mesi il paesaggio si presenta più rigoglioso e verde che mai grazie a una vegetazione ricca e lussureggiante, frutto delle intense precipitazioni dei mesi scorsi. Chi viaggia in Zimbabwe tra aprile e maggio può dunque godere di un’immagine diversa dalla solita Africa, tipicamente arida.

Mentre le risorse idriche come fiumi, ruscelli e bacini iniziano a prosciugarsi spingendo gli animali a muoversi per raggiungere le fonti d’acqua perenni e rendendo così più facile il loro avvistamento, nello stesso periodo viene riaperto il Mana Pools, un parco nazionale inserito come Patrimonio Mondiale UNESCO e particolarmente famoso per i safari a piedi.

Maggio rappresenta il momento perfetto per i fotografi che possono immortalare gli animali in relativa tranquillità, prima che i parchi vengano presi d’assalto dai turisti durante il periodo di vacanza.




Viaggiare in Zimbabwe a giugno e a luglio

In Zimbabwe a giugno è inverno e si è nel pieno della stagione secca che garantisce bel tempo e strade praticabili: le precipitazioni sono scarse o del tutto assenti e il clima è gradevole con temperature medie che di giorno si aggirano sui 20°C e di notte, specie a quote elevate, scendono rapidamente arrivando anche al di sotto dello zero.

A giugno si inaugura ufficialmente la stagione dei safari nello Zimbabwe, in quanto con la siccità che spinge gli animali a concentrarsi attorno alle pozze e ai corsi d’acqua “perenni” e la vegetazione che si fa più rada, gli avvistamenti risultano più facili e frequenti.

Il ritorno della fauna selvatica alle pozze d’acqua del Hwange National Park segna un picco di safari all'alba e al tramonto, cioè nei momenti della giornata in cui è più intensa l’attività degli animali e in cui è più probabile avvistarli nascosti tra i cespugli al riparo dal calore.

Questi mesi, insieme ad agosto, coincidono con la chiusura delle scuole e l’inizio delle ferie anche nello Zimbabwe dunque si registra un afflusso maggiore di turisti, non solo proveniente dall’Europa ma anche dai paesi limitrofi, è pertanto consigliata la prenotazione con un certo anticipo.




Viaggiare in Zimbabwe ad agosto

In Zimbabwe ad agosto prosegue il periodo dell’alta stagione turistica che registra il maggior numero di visitatori: le giornate sono soleggiate, i cieli limpidi e le temperature, ancora basse di notte, tornano a salire durante il giorno mantenendo però l’aria sempre asciutta e gradevole.

Nei parchi e nelle riserve gli alberi continuano a perdere le foglie e il panorama assume sempre di più il colorito giallo caratteristico del periodo secco. Ciò, unito all’acqua sempre meno disponibile,  rende gli avvistamenti ancora più numerosi, facendo di agosto un mese perfetto per i safari nello Zimbabwe. L’unica nota negativa è l’alta probabilità di trovare i campi sovraffollati, sebbene la maggioranza di questi richieda delle concessioni private che ne garantiscono l’esclusività e l’assenza di folle.

Ad agosto inizia anche il periodo della bassa marea che, alle Cascate Victoria, consente di scoprire le gole, le rocce sotto la cascata e in generale la geologia dell’area.

Oltre a un incremento di turisti, ad agosto nello Zimbabwe i prezzi aumentano, un fattore di cui tener conto nel momento in cui si decide di organizzare un viaggio nel Paese.




Viaggiare in Zimbabwe a settembre e a ottobre

Settembre e ottobre sono mesi decisamente caldi e secchi in Zimbabwe: le temperature continuano a salire raggiungendo i 30°C e persino i 40°C in ottobre e il paesaggio si presenta sempre più arido e spoglio.

Le Cascate Vittoria arrivano quasi a prosciugarsi del tutto a ottobre, prima dell'inizio delle piogge, e, grazie a questi bassi livelli dell'acqua, gli ultimi mesi della stagione secca sono i migliori per il rafting sulle rapide a valle delle cascate, per i safari in canoa e per la pesca sul Fiume Zambesi.

Anche gli avvistamenti della fauna selvatica continuano a essere al loro apice alla fine della stagione secca, in quanto il perdurare della siccità costringe gli animali a cercare le poche pozze d’acqua rimaste.

Un viaggio in Zimbabwe in questo periodo dell’anno rappresenta un’ottima scelta per esplorare l’intero Paese evitando le folle di turisti e i prezzi più alti dei mesi scorsi.

Inoltre, chi si trova nello Zimbabwe a settembre, può unirsi ai ranger del Parco Nazionale di Hwange mentre fanno l’annuale conteggio degli animali che passano lungo i corsi d'acqua. Una bella e interessante opportunità per fantastici avvistamenti della fauna selvatica ed per approfondire la conoscenza sul ruolo e la vita di un ranger di Hwange.




Viaggiare in Zimbabwe a novembre e a dicembre

Novembre e Dicembre sono due mesi di transizione che vedono la fine della stagione secca; durante questo periodo è difficile prevedere il meteo: storicamente le piogge più consistenti iniziavano nel mese di dicembre con pochissimi rovesci nel mese precedente. Da alcuni anni però la stagione delle piogge vera e propria si sta riducendo come durata ed è posticipata principalmente ai mesi di gennaio e febbraio.

Nel caso sempre più comune di piogge scarse o assenti, questi mesi cadono nel picco della stagione secca offrendo un’esperienza di safari eccezionale con molti animali concentrati lungo le rive dello Zambezi o presso le tante pozze d’acqua artificiali create appositamente nello Hwange National Park.

Le temperature sono ancora elevate in attesa che le prime piogge portino refrigerio.

Le Cascate Vittoria arrivano quasi a prosciugarsi del tutto offrendo, come per i mesi precedenti, il periodo migliore per fare rafting sulle rapide a valle delle cascate e per i safari in canoa sul Fiume Zambesi.

Un viaggio in Zimbabwe in questo periodo dell’anno rappresenta un’ottima scelta per esplorare l’intero Paese evitando la sempre maggiore affluenza di turisti e i prezzi più alti dei mesi precedenti di alta stagione.




Temperature stagionali (min-max °C) - Precipitazioni (mm/mese)

Località Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Mozambico: Safari e Spiagge

La natura selvaggia del Gorongosa N.P. per un’esperienza di safari fuori dallo standard e il mare di...

DURATA: 13

A partire da:

2800 €

Uganda: nel regno dei Primati

A contatto con gorilla e scimpanzé, per una delle emozioni più incredibili al mondo

DURATA: 10 giorni

A partire da:

2900 €

Viaggio in Namibia: la Terra selvaggia in 4X4

Esplorando la natura africana, dalla savana al deserto, dai canyon all'Oceano

DURATA: 14 giorni (12 notti)

A partire da:

3200 €

Introduzione ai safari in Kenya

Un primo impatto con i meravigliosi e selvaggi parchi naturali del Kenya

DURATA: 10 giorni

A partire da:

2660 €

Introduzione ai Safari in Botswana

Emozioni allo stato puro dal Delta dell'Okavango al Chobe National Park

DURATA: 8 Giorni

A partire da:

4500 €

Alla scoperta del Sudafrica, in libertà

Un viaggio emozionante in una terra meravigliosa, tra Big Five e vini spettacolari

DURATA: 11 giorni

A partire da:

3200 €

Il Parco Kruger e le spiagge di Machangulo

Dalla natura selvaggia all'immersione in un mare meraviglioso

DURATA: 12 giorni

A partire da:

2400 €

Alla scoperta dell’Uganda

Primati, natura e tradizioni, per immergersi nella wilderness africana

DURATA: 14 giorni

A partire da:

3900 €




Consigli di viaggio

Segreti, curiosità, informazioni e dritte da conoscere prima di partire per il tuo viaggio preferito, in base alla nostra esperienza diretta in tutte le destinazioni che vi proponiamo.




Iscriviti alla nostra newsletter

Per rimanere sempre aggiornato sui nostri viaggi di gruppo
Per sapere in anteprima le offerte del mese
Per scoprire destinazioni inedite e nuove idee di viaggio!

VIA Viaggi in Avventura Srl

  • Indirizzo: Piazza F. Borgoncini Duca, 7
    00165 Roma - ITALIA (zona S.Pietro - Via Gregorio VII)
  • Tel: +39.06.68301655
  • Website: www.viatraveldesign.com