Introduzione ai Safari in Botswana

Emozioni allo stato puro dal Delta dell'Okavango al Chobe National Park

Emozioni allo stato puro dal Delta dell'Okavango al Chobe National Par...

Maun - Moremi Game Reserve - Delta dell'Okavango - Savute

Safari Viaggi Di Nozze

Da non perdere

  • La Moremi Game Reserve, perfetta introduzione ai safari in Botswana
  • Delta dell’Okavango, uno dei più grandi delta interni del mondo, una biodiversità ineguagliabile
  • Il magico ed affascinante Delta dell'Okavango attraverso l'esclusivo Xugana Island Lodge
  • Chobe National Park: un'incredibile varietà e abbondanza di animali selvatici
  • Savute, nel cuore del Chobe National Park, un paradiso per gli appassionati di safari
  • Ampia scelta nella modalità dei Safari: a piedi o in veicolo 4X4, anche notturni e fuori pista con maggiori opportunità di avvicinamento agli animali
  • Escursioni in barca, in mokoro, uscite di pesca
  • 8 Giorni
  • 4500 €
  • Voli intercontinentali Inclusi
  • Individuali su richiesta

Chobe: Savute Reserve

Situata nel cuore del Chobe National Park, la Savute Reserve rappresenta una delle aree più interessanti della regione, assieme alle concessioni Selinda e Kwando: particolarmente isolata, selvaggia e lontana dai numerosi fuoristrada che popolano il settore nord del Chobe.

La presenza del Canale Savute - dal 2009 nuovamente ricco di acqua dopo circa 30 anni di secca! - richiama numerosissimi animali durante la stagione secca, offrendo una qualità di avvistamenti eccezionale.

Larga parte di Savute è rappresentata dalla Savute Marsh, un ambiente semi arido nei mesi secchi che si allaga parzialmente durante la stagione delle piogge, ricoprendosi di una rigogliosa vegetazione che attrae la migrazione di molte specie di animali, tra cui zebre e gnu, seguite dagli immancabili predatori.

Proprio per le sue caratteristiche peculiari legate alle stagione e all’andamento delle piogge, Savute offre un ventaglio di opportunità per gli appassionati di safari che ha pochi eguali: durante la stagione secca, la presenza del canale garantisce la presenza di un grande numero di specie, tra cui numerosi elefanti, antilopi, branchi di leoni, sciacalli, volpi, damalischi e kudu; durante le piogge, invece, con il trasformarsi del paesaggio (che diventa un habitat molto appetibile per gli animali), l’area si popola di migliaia di zebre, bufali e gnu che, riunendosi caoticamente nella palude, richiamano i numerosi predatori della regione come leoni, iene, ghepardi, leopardi e wild dogs.

A differenza della maggior parte del paese, completamente pianeggiante, in quest’area si possono trovare alcuni affioramenti di roccia vulcanica che spuntano dalla sabbia del Kalahari, elevandosi sulla vasta savana, spesso molto ricchi di wildlife, come i diffidenti leopardi, che trovano nelle rocce un habitat perfetto, specie durante il periodo delle nascite (particolarmente dell’area di Goa Hills).

Tra le altre specie animali presenti, compaiono anche i ghepardi (che non è semplice avvistare in altre riserve del paese) e, prevalentemente nella stagione delle piogge, i licaoni.

Queste caratteristiche spiegano come mai Savuti è stata per anni lo scenario di alcuni dei più emozionanti documentari sull’Africa come The Fishing Leopard e il famoso The Giant Killer.

Essendo localizzata all’interno del Parco Nazionale, Savuti segue le regole governative per le quali non è permesso effettuare Game Drive, inclusi quelli notturni, al di fuori delle piste (sono comunque tantissime e da questo punto di vista le attività non ne risentono assolutamente) o safari a piedi.

I lodge presenti nell’area sono pochissimi, e questo rende l’esperienza di safari in quest’area tra le più affascinanti, in quanto permettono una totale immersione nella selvaggia natura del parco.




Okavango, Moremi Game Reserve

La Riserva Moremi, situata a nord est del Delta dell’Okavango, è una delle aree emerse più estese (circa 5.000 km², un terzo dell’estensione dell’intero delta) e più ricche di Wildlife della regione.

La riserva non è recintata e i confini sono definiti esclusivamente dal corso dei fiumi e dei canali del Delta. La vegetazione è molto varia e presenta zone secche con praterie erbose e zone boschive di Mopane, affiancate da paludi stagionali e permanenti, con il risultato di essere una delle riserve con la più ampia tipologia di ecosistemi del paese.

All’interno di Moremi è presente una vasta rete di piste per i Game Drive che attraversa tutta la riserva, rendendola un’eccellente destinazione per i safari. L’unico limite, se come tale può essere considerato, sono i vincoli imposti dalle autorità del parco, che limitano i fuoripista e altre attività, come i safari a piedi e quelli notturni.

La parte settentrionale (la zona di Xakanaxa) si affaccia sui vasti canali del delta, dove è possibile combinare i classici fotosafari in fuoristrada con escursioni in barca per avvistare anche le grandi mandrie di bufali, spesso associate a diversi predatori che ne seguono i movimenti.

Durante la stagione secca (da aprile a ottobre), gli avvistamenti degli animali si concentrano soprattutto lungo i corsi d’acqua permanenti. Da tener presente che da settembre a novembre gli aironi ritornano dalla loro migrazione, proprio nel periodo più indicato per gli amanti del Birdwatching. 

Quando arriva la stagione delle piogge (da novembre ad aprile), il paesaggio si trasforma completamente, con l’eccezionale fioritura stagionale e gli spettacolari tramonti; inoltre, il periodo delle nascite rende più facili gli avvistamenti dei predatori a caccia. Le attività all’interno del parco seguono le regole dei parchi nazionali: non è permesso effettuare fuoripista, walking safari e fotosafari notturni.

Moremi ospita tutti i Big 5 (peraltro, il progetto di ripopolazione dei rinoceronti prevede una lenta reintroduzione anche di questi meravigliosi animali, esemplari bianchi e neri compresi), ma è anche l’area con la più vasta popolazione di lichi rossi (una antilope tipica dell’Africa Meridionale), una delle più grandi colonie di licaoni (assieme alle Riserve di Khwai e Kwando), gnu, zebre e un’avifauna incredibilmente ricca e varia.

Il Nord del Botswana è famoso anche per l’enorme quantità di elefanti (le ultime stime ne contano circa 120.000), che si muovono attraverso i tanti corridoi migratori dai parchi settentrionali del paese; spesso provengono anche dal vicino Zambia e Zimbabwe, spostandosi durante la stagione secca verso le acque perenni del Delta.

Parte della Riserva si trova su Chief Island, la più grande isola del delta che ospita alcuni dei più esclusivi lodge del continente, con la promessa di un’esperienza di safari unica.




Okavango Delta

Il Delta dell'Okavango, situato ai margini dell’enorme bacino desertico del Kalahari, è uno dei più grandi delta interni del pianeta, nonché uno degli ecosistemi più insoliti. Le particolari condizioni climatiche e le caratteristiche geologiche hanno creato un ecosistema unico al mondo, estremamente ricco, complesso e fragile, che fornisce una fonte di vita a una incredibile varietà di fauna selvatica, spesso adattata a vivere in questa alternanza di condizioni, così differenti tra la stagione secca e quella umida.

La zona comprende la riserva Moremi e alcune concessioni private circostanti, situate sulle centinaia di isole disseminate nell’enorme bacino. Queste aree sono state create per gestire al meglio gli equilibri tra le comunità locali e l’ambiente, ancora incontaminato e selvaggio, in modo da coinvolgere il più possibile gli abitanti in un turismo sostenibile. Molti dei lodge più esclusivi del Botswana si trovano proprio all'interno di queste concessioni nel delta, e offrono agli ospiti un'esperienza di safari in zone remote ed esclusive, evitando il turismo di massa.

Il livello dell’acqua nel delta varia di molto a seconda dei periodi dell’anno: raggiunge il suo massimo durante i mesi invernali (Giugno/Luglio e Agosto), mentre è più secco verso la fine dei mesi estivi, in modo più o meno opposto alle precipitazioni stagionali.

Il paesaggio, le attività che si possono effettuare e gli avvistamenti degli animali variano considerevolmente a seconda dell’area, della stagione e dei livelli dell’acqua. Nelle zone dove prevale la terraferma, le attività principali sono i Safari in 4x4, mentre nei lodge situati sulle isole più interne al delta, predominano le attività acquatiche, come le escursioni in mokoro o in barca, la pesca, il Birdwatching e le passeggiate guidate. Le cose cambiano per i lodge situati nelle zone del “delta stagionale”, che variano le attività in base al periodo dell’anno: attività acquatiche nei periodi in cui il livello dell’acqua è alto e attività in 4x4 nei periodi di secca.  

Ogni stagione offre una particolarità per entusiasmarsi attraverso un contatto con gli animali diretto e incontrastato: durante i mesi più secchi e caldi (da aprile a ottobre), gli avvistamenti sono più concentrati intorno alle zone di acqua permanente. Anche per gli amanti del Birdwatching il periodo estivo è quello più indicato, incluso da settembre a novembre, quando ritornano gli aironi. Durante la stagione delle piogge (da novembre ad aprile) il paesaggio viene rinvigorito da diversi fiori selvatici, incredibili temporali e spettacolari tramonti.




Il Botswana è caratterizzato da un clima desertico subtropicale con precipitazioni scarse e una netta escursione termica tra notte e giorno; la stagione secca va da giungo alla fine di ottobre (ma sempre più frequentemente negli ultimi anni le prime piogge iniziano nel mese di gennaio) mentre la stagione delle piogge (definita anche Green Season) da dicembre a marzo, con un picco delle precipitazioni solitamente da febbraio e marzo.

Per chi intende recarsi anche nel Delta dell'Okavango, è invece importante valutare anche il livello delle acque che raggiunge il suo massimo da giugno a settembre per poi iniziare lentamente a ritirarsi. I mesi successivi vedono un delta allagato solamente nei canali e negli specchi d'acqua principali e più profondi, mentre le sconfinate lagune punteggiate di piccole isole della regione centro meridionale sono in questi mesi praticamente secche.Â

Come si nota, il livello delle acque del Delta non segue l'andamento delle precipitazioni del paese, questo perché dipende principalmente dalle forti piogge che avvengono durante la stagione umida sull'altipiano dell'Angola e che necessitano un certo numero di settimane per raggiungere la fine del loro corso riversandosi nella vasta piana alluvionale del Delta.

La stagione solitamente migliore per viaggiare in Botswana va da giugno a settembre, quando le temperature non sono troppo elevate come nei mesi successivi, le precipitazioni praticamente assenti e il livello dei safari è sicuramente alto, perché molti degli animali si trovano spesso nelle vicinanze delle risorse d'acqua. D'altro canto, questi mesi sono sicuramente i più cari ed è necessario prenotare con larghissimo anticipo per trovare disponibilità (talvolta alcuni lodge e campi vanno prenotati con un anno di anticipo per essere sicuri di trovare spazio).

È importante sottolineare che anchealtre stagioni sono particolarmente interessanti:

  • i mesi di ottobre/novembre e la prima metà di dicembre hanno un rapporto Qualità/Costi migliore, inoltre il picco della stagione secca facilita ancor più gli avvistamenti.
  • anche la stagione delle piogge (meglio se inoltrata - da marzo ad aprile) è estremamente affascinante, soprattutto per gli appassionati di fotografia, che troveranno nella natura rigogliosa e nei forti contrasti cromatici un set unico al mondo. Se gli avvistamenti durante questo periodo non sono spesso semplici come durante la stagione secca, anche questo ha il suo fascino perché è necessario tracciare gli animali con un'esperienza più affascinante. Un altro importante fattore che caratterizza la stagione umida è la presenza di molte nascite animali.

In pratica, il Botswana è un paese visitabile durante tutto il corso dell'anno, ogni periodo ha i suoi pro e contro, e la scelta finale è anche dettata dai luoghi che si vogliono inserire nel viaggio: per esempio, come detto in precedenza,  il Delta offre il suo massimo da giugno a settembre, mentre altre aree come il Chobe National Park o la Khwai Concession possono essere estremamente interessanti anche durante la green season. Altri luoghi come gli sconfinati il Pan del Makgadikgadi o la Central Kalahari Game Reserve sono sconsigliati durante la stagione delle piogge per ovvi problemi logistici legati agli allagamenti o alle pessime condizioni delle piste.

Da sottolineare anche che il Botswana ospita la seconda più grande migrazione al mondo di mammiferi dopo quella molto più famosa del Serengeti; ogni anno, nei mesi che vanno dalla seconda metà di ottobre ai primi di gennaio (il periodo preciso è difficile da prevedere visto che dipende dall'andamento delle precipitazioni), migliaia di zebre iniziano a lasciare i pianori alluvionali del Chobe per raggiungere con l'arrivo delle prime precipitazioni, i verdi pascoli dello Nxai Pan e del Makgadikgadi. Uno spettacolo poco conosciuto, ma incredibile per gli appassionati di fotografia.

Proprio per le tante variabili che bisogna prendere in considerazione, consigliamo di rivolgervi ai nostri consulenti di viaggio che sapranno disegnare il migliore itinerario e il periodo ottimale per viaggiare in Botswana è anche in funzione delle aspettative di ciascuno.



Viaggiare in Botswana a Gennaio

Gennaio 



Temperature stagionali (min-max °C) - Precipitazioni (mm/mese)

Località Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Okavango Delta 32 - 19 92 30 - 19 103 30 - 18 86 29 - 15 24 28 - 10 5 25 - 6 1 25 - 6 0 27 - 9 0 32 - 14 1 35 - 18 14 34 - 18 16 31 - 19 72
Chobe N.P. 31 - 20 132 31 - 19 141 30 - 18 86 30 - 16 18 28 - 13 1 26 - 10 1 26 - 10 0 28 - 12 0 33 - 16 0 35 - 19 18 33 - 20 59 31 - 20 128
Central Kalahari 35 - 19 42 34 - 19 55 32 - 17 45 28 - 13 31 25 - 6 11 22 - 2 4 22 - 1 1 25 - 4 2 29 - 9 3 31 - 14 18 33 - 16 32 33 - 16 36

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Introduzione al Bhutan

Viaggio nel paese della felicità, Kolkata e Kathmandu

DURATA: 11 Giorni

A partire da:

3800 €

Alla scoperta dello Sri Lanka

Montagne e Acque sacre, antiche capitali e sapori locali, per un viaggio in Sri Lanka completo e ind...

DURATA: 14 Giorni

A partire da:

2900 €

Alla scoperta del Rajasthan

Storia e tradizioni millenarie negli antichi regni Rajput

DURATA: 11 Giorni

A partire da:

1700 €

Mozambico: Safari e Spiagge

La natura selvaggia del Gorongosa N.P. per un’esperienza di safari fuori dallo standard e il mare di...

DURATA: 13

A partire da:

2800 €

Uganda: nel regno dei Primati

A contatto con gorilla e scimpanzé, per una delle emozioni più incredibili al mondo

DURATA: 10 giorni

A partire da:

2900 €

Viaggio in Namibia: la Terra selvaggia in 4X4

Esplorando la natura africana, dalla savana al deserto, dai canyon all'Oceano

DURATA: 14 giorni (12 notti)

A partire da:

3200 €

Introduzione ai safari in Kenya

Un primo impatto con i meravigliosi e selvaggi parchi naturali del Kenya

DURATA: 10 giorni

A partire da:

2660 €

Alla scoperta del Sudafrica, in libertà

Un viaggio emozionante in una terra meravigliosa, tra Big Five e vini spettacolari

DURATA: 11 giorni

A partire da:

3200 €




Consigli di viaggio

Segreti, curiosità, informazioni e dritte da conoscere prima di partire per il tuo viaggio preferito, in base alla nostra esperienza diretta in tutte le destinazioni che vi proponiamo.




Iscriviti alla nostra newsletter

Per rimanere sempre aggiornato sui nostri viaggi di gruppo
Per sapere in anteprima le offerte del mese
Per scoprire destinazioni inedite e nuove idee di viaggio!

VIA Viaggi in Avventura Srl

  • Indirizzo: Piazza F. Borgoncini Duca, 7
    00165 Roma - ITALIA (zona S.Pietro - Via Gregorio VII)
  • Tel: +39.06.68301655
  • Website: www.viatraveldesign.com